top of page

NEI DINTORNI

L'osservatorio astronomico di Saint-Barthélemy, a Nus

L’Osservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle d’Aosta (OAVdA) e il Planetario di Lignan sorgono a Lignan, frazione montana a oltre 1.600 metri di altitudine nel vallone di Saint-Barthélemy, a circa 16 km di strada dal borgo del Comune di Nus. Aperto dal 2003, l’OAVdA è l’unico osservatorio astronomico regionale in Italia ad aver stretto un accordo pluriennale per attività di ricerca, didattica e divulgazione con l’INAF, l’Istituto Nazionale di Astrofisica. Grazie all’alta qualità del lavoro scientifico svolto, i ricercatori dell’OAVdA sono associati INAF.
Il parco degli strumenti presso l’Osservatorio è tra i più ampi d’Europa: il Laboratorio Eliofisico per l’osservazione di gruppo del Sole in sicurezza per la vista, la Terrazza Didattica con sette telescopi Cassegrain da 25 cm di apertura; il Teatro delle Stelle, per l’osservazione del cielo a occhio nudo con l’utilizzo di speciali puntatori laser; il Planetario permette di compiere viaggi virtuali nel cosmo tra pianeti, costellazioni, nebulose e galassie in computer grafica, scoprendo i fenomeni fisici più interessanti ad essi collegati grazie a proiezioni realizzate integralmente dallo staff.
Particolare attenzione è rivolta anche agli astrofili, che possono sistemare i propri strumenti in dodici piazzole di osservazione da 9 metri quadri ciascuna, attrezzate con torrette di alimentazione per la corrente elettrica e illuminazione a LED rossi.
L’Osservatorio collabora inoltre con altri organismi scientifici nazionali ed internazionali ed è attivo in vari importanti progetti di ricerca. Tra i risultati conseguiti presso l’Osservatorio si ricordano: la scoperta di un asteroide di fascia principale ufficialmente battezzato “Vallée d’Aoste”; la partecipazione alla scoperta dei due esopianeti della stella XO-2S; l’individuazione di oltre cento stelle variabili; l’osservazione di un anomalo incremento dell’emissione di energia dal nucleo delle galassie BL Lacertae e CTA102, fenomeni durati poche ore e registrati in quelle notti, tra tutti gli osservatori astronomici mondiali, solo a Saint-Barthélemy. Parallelamente alla ricerca, gli astrofisici dedicano almeno il 30% del loro tempo alle iniziative per trasmettere le loro conoscenze a scuole e pubblico.
Visita guidata diurna in Osservatorio Astronomico (durata 1 ora): comprende l’osservazione guidata del Sole in laboratorio eliofisico e l’illustrazione della strumentazione utilizzata per i progetti di ricerca scientifica.
Proiezione al Planetario (durata 1 ora): comprende il viaggio virtuale nel cosmo dal titolo “A spasso per il cielo”, rivolto a famiglie e a tutti i curiosi del cielo e dello spazio.
Visita guidata notturna in Osservatorio Astronomico (durata 1,5 ore): comprende l’osservazione guidata del cielo a occhio nudo e al telescopio in Terrazza Didattica (svolgimento in funzione delle condizioni meteorologiche).

bottom of page